MANAGEMENT SANITARIO

Crediti: 
6
Anno accademico di offerta: 
2016/2017
Semestre dell'insegnamento: 
Primo Semestre
Lingua di insegnamento: 

L'insegnamento viene erogato in lingua italiana.

Obiettivi formativi

Il corso consente allo studente di comprendere il significato giuridico del rapporto di lavoro subordinato e la sua collocazione nel più ampio sistema degli ordinamenti nazionale ed europeo. Attraverso la frequenza delle lezioni e lo studio del materiale consigliato, lo studente acquisisce conoscenza dei principi fondamentali che regolano il rapporto di lavoro subordinato, la sua distinzione rispetto al lavoro autonomo e le sue interazioni con il diritto sindacale; dei diritti dei lavoratori; dei poteri e delle prerogative dell’imprenditore; dei modelli negoziali tramite i quali si realizza l’assunzione di forza lavoro; delle specificità di tali fenomeni nell’ambito dell’impiego alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni. Il
corso è indirizzato a far comprendere agli studenti i meccanismi per l’ acquisizione e la gestione della forza lavoro nelle organizzazioni (pubbliche o private) per le quali svolgeranno la propria attività professionale e la loro regolamentazione giuridica, nonché a fare acquisire loro una più ampia capacità di valutazione critica rispetto ai propri diritti, ai propri doveri e al proprio ruolo quali prestatori di lavoro.

Lo studente deve acquisire le informazioni utili per valutare la propria attività professionale sotto il profilo normativo-giuridico e deontologico con specifico riferimento ai riflessi in ambito penale, civile e sociosanitario.
Al termine del corso lo studente dovrà essere in grado di discriminare fra le diverse fonti del Diritto, di interpretare le condizioni cliniche dei pazienti in relazione alle previsioni giuridico-normative, rapportare il proprio operato professionale nei confronti dei pazienti e
delle istituzioni pubbliche e private (in ambito sanitario) al contesto giuridico attuale.

Il modulo di Medicina del lavoro si propone di fornire le basi per comprendere il significato dei concetti di pericolo, rischio e di fattore di rischio per la salute; mira a favorire la comprensione da parte del professionista sanitario delle possibili ricadute in termini di salute
dell'esposizione a fattori di rischio in ambiente sanitario. Lo studente dovrà imparare a conoscere e saper utilizzare i dispositivi di protezione individuale nel contesto richiesto, come misura di prevenzione del rischio biologico. Dovrà apprendere i riflessi dell’organizzazione del lavoro sulla salute dei professionisti. Dovrà infine conoscere il significato della sorveglianza sanitaria e le ricadute in termini personali ed organizzativi
del giudizio di idoneità alla mansione specifica.

Contenuti dell'insegnamento

L'insegnamento prevede l’articolazione in quattro moduli didattici dai contenuti specifici.
Il modulo di Diritto del lavoro si articolerà in due parti: una prima parte di lezioni sarà dedicata agli istituti fondativi del diritto del lavoro, quali le fonti, la contrattazione collettiva, il ruolo e le funzioni delle organizzazioni sindacali; una seconda parte verrà invece indirizzata all’approfondimento dei temi legati più strettamente al contratto di lavoro: doveri e i poteri delle parti, mercato del lavoro e contratti di lavoro flessibili, recesso e tutela dei diritti del lavoratore subordinato. Le lezioni daranno conto, in particolare, delle specificità attinenti al rapporto di lavoro nel comparto sanità, nonché di eventuali modifiche legislative sopravvenute, fornendo altresì gli strumenti, dottrinali e giurisprudenziali, utili ad interpretare i diversi istituti.
Attraverso il modulo di Medicina legale lo studente apprenderà i principi della Bioetica, della Deontologia professionale e del Diritto; comprenderà il significato di reato, la qualifica del sanitario di fronte alla legge penale, i delitti di interesse del sanitario con particolare riguardo alle "lesioni personali", il dovere di collaborazione con l’autorità giudiziaria. Inoltre, conoscerà le implicazioni legali della tenuta della documentazione sanitaria, della responsabilità professionale. Infine, conoscerà i principi su cui si regge il sistema di Sicurezza Sociale (Previdenza ed Assistenza) con particolare riferimento alle condizioni di ipoacusia e sordomutismo.
Il modulo di Medicina del lavoro completerà le conoscenze di contesto fornendo al futuro professionista sanitario una panoramica dei principali fattori di rischio per la sicurezza e la salute nelle strutture sanitarie. Il professionista apprenderà il significato ed i limiti dell’uso dei dispositivi di protezione individuale, il significato della sorveglianza sanitaria per le malattia da lavoro e le malattie correlate al lavoro.

Bibliografia

Lo studio dei temi affrontati si concentra soprattutto su quanto discusso
in classe e sul materiale distribuito dai docenti e presente sul sito web del Corso di Laurea. In ogni caso, per un
ulteriore approfondimento gli studenti possono utilizzare i capitoli e i paragrafi
corrispondenti ai temi indicati contenuti nel volume: R. DEL PUNTA,
Diritto del lavoro, Giuffrè, Milano, nell’edizione più recente disponibile.

Metodi didattici

Il corso si articola su lezioni frontali. Durante le lezioni verranno evidenziate le caratteristiche fondative di ogni istituto, nonché discusse le problematiche generali legate alla loro applicazione e agli eventuali orientamenti giurisprudenziali connessi all’interpretazione dei maggiori e più controversi concetti giuridici coinvolti, alle problematiche deontologiche e medico-legali ed alla applicazione in contesti occupazionali.

Modalità verifica apprendimento

L’accertamento del raggiungimento degli obiettivi formativi del corso
avviene tramite un esame scritto con domande a risposta
multipla seguito da una verifica orale. Le domande sono strutturate in modo da accertare:
- La conoscenza dei tratti caratterizzanti gli istituti giuridici trattati;
- La comprensione delle interrelazioni tra funzionamento delle dinamiche
organizzative e regolamentazione dei rapporti di lavoro;
- La valutazione critica della posizione del lavoratore nelle organizzazioni,
dei suoi diritti e dei suoi obblighi;
- La conoscenza della deontologia professionale;
- La capacità di analizzare le situazioni lavorative che possono
comportare un rischio per la sicurezza e per la salute;
- La comprensione del significato della sorveglianza sanitaria per i
professionisti sanitari.
Lo studente dovrà dimostrare di aver acquisito conoscenze e competenze adeguate a discutere, analiticamente, le problematiche giuridiche e medico legali relative alla professione. L'esame si riterrà superato, rispetto alla prova scritta, se lo studente avrà fornito non meno del 70%
di risposte esatte (nei quiz a risposta multipla), oltre ad un contenuto valutato sufficiente nel colloquio.